borgo porteo in comedia project_es

italian english

bpc

nuestra asociación laboratorio Artaud centro de investigación teatral, en colaboración con el Comité Ciudadano Borgo Porteo Finis Populus, recientemente establecido en Padua, está organizando en el período 17 de julio / 13 de septiembre de 2020, un proyecto llamado Borgo Porteo en la comedia, taller de formación sobre la comedia dell’arte. Se trata de un proyecto que prevé, para el primer año, la organización y el desarrollo de tres sitios/talleres, dirigidos por mascaradores de talento y actores de relevancia internacional, con un conocimiento específico y muy profundo de las prácticas y técnicas de la Commedia dell’Arte. El proyecto prevé la organización y la realización de los tres taller, de las que a continuación mencionaremos, en el escenario de la Piazza Portello (al aire libre), también en relación con las medidas de contención relacionadas con la emergencia sanitaria en curso. Muchos son, además, los motivos que nos han llevado a diseñar y organizar el proyecto Borgo Porteo in Comedia, entre otros;

– la coexistencia, en el mismo barrio 1 Centro, de nuestro laboratorio Artaud (en el antiguo matadero de Padua y que este año cumple un cuarto de siglo, si no más), así como la residencia de algunos de nosotros en Portello en Padua;

– el nacimiento del Comité de la Ciudad Borgo Porteo Finis Populus, que algunos de nosotros ayudamos a crear;

– the condition of the Portello district, from the times of the health emergency to the present day, almost deserted, in the absence of university and high school students;

– la condición del barrio de Portello, desde los tiempos de la emergencia sanitaria hasta hoy, casi desierto, en ausencia de estudiantes universitarios y de instituti secundarios ;

– la insuficiente valorización que ha marcado, desde hace varios años, la condición de la Piazza Portello de Padua, sin actividades simples ni siquiera pequeños eventos, en uno de los barrios más históricos y antiguos de Padua;

– la conciencia de que las habilidades relacionadas con las profesiones manuales (en este caso la escultura/madera y la fabricación de cuero/máscara) se están reduciendo gradualmente;

– así como el conocimiento de las técnicas y prácticas de los Comediantes del Arte, que en Padua, en cambio, gracias a los estudios de la Dra. ssa Ester Cocco que encontró un documento en el Archivo Notarial de Padua, prueba que en esta ciudad se formó una compañía de comediantes desde el 25 de febrero de 1545, con un contrato registrado (I Teatri di Padova, desde los orígenes hasta finales del siglo XIX, Bruno Brunelli, Librería Angelo Draghi, Padua, 1921).

– que es nuestra intención, también a través de estos talleres, volver sobre estos eventos históricos y a rebours constituir regularmente, según los antiguos dictados, una compañía de calcetín fraternal, llamada ea Mosqueta, también en Padua, como en Venecia.

EL PROYECTO BORGO PORTEO EN LA COMEDIA
talleres de formación de la commedia dell’arte
Padova – Piazza Portello – 17 de julio / 13 de septiembre de 2020 (Italia)
patrocinio veneto logocon el patrocinio de la Región del Véneto
y el Municipio de Padua
El proyecto prevé, como ya se ha mencionado, para esta primera edición, la organización y celebración de tres talleres/seminarios en el período comprendido entre el 17 de julio y el 13 de septiembre de 2020, en la Piazza Portello y al aire libre, que se describen a continuación:



cavarra gesso
I° TALLER (al aire libre)
LA CONSTRUCCIÓN DE UNA MÁSCARA TEATRAL: ESCULTURA DE CRETA y REALIZACIÓN DE UNA MATRIZ DE YESO (1ª parte) o realización de una máscara de cuero sobre los modelos/matrices del catálogo de la comedia del arte de ZORBA OfficineCREATIVE
17-18-19 de julio de 2020 – padova – piazza portello
guiado por ANDREA CAVARRA
ZORBA OfficineCreative – Milán
con horario de apertura el viernes 17, sábado 18, domingo 19 de julio de 2020 a las horas 10.00 a.m – hasta 18.00 p.m.
Después de una primera parte dedicada al estudio de los modelos tradicionales (teatro griego y romano, commedia dell’arte, teatro indonesio y japonés) cada participante creará su propio modelo de arcilla, y luego creará la matriz de yeso. El trabajo con yeso de alabastro permite crear una matriz sin necesidad de una habilidad particular o preparación de tipo escultórico. Durante el mismo período, aquellos que sólo estén interesados en la máscara de cuero podrán crearla a partir de un molde/matriz existente del catálogo de ZORBA OfficineCreative. Al final del curso la matriz/molde realizada será propiedad de cada participante. El curso incluye una cuota de suscripción y las plazas disponibles son limitadas. Las inscripciones/reservas se aceptarán por orden cronológico, según la disponibilidad de plazas, de acuerdo con las indicaciones que se enviarán a los solicitantes a través del formulario que figura a continuación o por teléfono.



cavarra1
II° TALLER (al aire libre)
LA CONSTRUCCIÓN DE UNA MÁSCARA TEATRAL DE CUERO
(2ª parte) 7 – 9 de agosto de 2020 – padova – piazza portello
guiado por ANDREA CAVARRA
ZORBA OfficineCreative – Milán
con horario de apertura el viernes 7, sábado 8, domingo 9 de agosto de 2020 a las horas 10.00 a.m. – hasta 18.00 p.m.
En esta segunda parte, la máscara de cuero se hará sobre la matriz de yeso previamente hecha o, aquellos que no hayan creado su propio modelo, mediante el uso de técnicas y herramientas tradicionales, podrán hacer una de las máscaras típicas de la Commedia dell’arte, a partir de una matriz ya existente del catálogo de ZORBA OfficineCreative. Al final del curso, la máscara y/o matriz creada será propiedad de cada participante. …un fin de semana de inmersión total en un camino guiado por un talentoso fabricante de máscaras y maestro de teatro sobre las técnicas de trabajo del cuero y la realización de las máscaras de la Commedia dell’Arte. Una oportunidad para la formación, el conocimiento y el desarrollo de sus habilidades manuales, que dará a los participantes la oportunidad de producir un artefacto de gran valor artístico, eligiendo trabajar en su propia matriz de madera o elegir un modelo del catálogo de Zorba Officine Creative, para crear una herramienta de trabajo, si son actores, o un objeto teatral si son artesanos. La máscara de cuero hecha, terminada y vestible será al final propiedad de cada participante. El curso incluye una cuota de suscripción y las plazas disponibles son limitadas. Las inscripciones/reservas se aceptarán por orden cronológico, según la disponibilidad de plazas, de acuerdo con las indicaciones que se enviarán a los solicitantes a través del formulario que figura a continuación o por teléfono.


claudia1III° TALLER (al aire libre)
PRÁCTICAS Y TÉCNICAS
de la COMEDIA DELL’ARTE
11 – 13 de septiembre de 2020 – padova – piazza portello
guiado por CLAUDIA CONTIN ARLECCHINO
con la asistencia de LUCA FANTINUTTI
PORTO ARLECCHINO – Pordenone
Viernes 11, sábado 12 y domingo 13 de septiembre
a las horas 10.00 a.m. – hasta 18.00 p.m.
…una inmersión completa de un fin de semana en un camino teatral de formación de actores guiada por la única actriz/mujer Arlequín de Italia y al mismo tiempo fabricante profesional de máscaras, sobre las prácticas, técnicas y movimiento de las máscaras y actores/actrices, que ha recibido premios nacionales e internacionales y que se encuentra ausente de la ciudad de Padua desde hace 13 años. El curso incluye una cuota de suscripción y las plazas disponibles son limitadas. Las inscripciones/reservas se aceptarán por orden cronológico, según la disponibilidad de plazas, de acuerdo con las indicaciones que se enviarán a los solicitantes a través del formulario que figura a continuación o por teléfono.


información y demandas de participación


borgo comedia front

borgo porteo project due

borgo porteo in comedia project_en

italian    español

bpcour association laboratory Artaud center of theatrical research. in collaboration with the City Committee Borgo Porteo Finis Populus, recently established in Padua, is organizing in the period July 17 / September 13, 2020, a project called Borgo Porteo in comedia, training workshop on commedia dell’arte. This is a project, which provides, for the first year, the organization and development of three sites / workshops, led by talented masqueraders and actors of international relevance, with a specific and very thorough knowledge of the practices and techniques of Commedia dell’Arte. The project foresees the organization and the carrying out of the three construction sites, of which we will mention below, in the setting of Piazza Portello (open air), also in relation to the containment measures related to the health emergency in progress. Many, in addition to this, are the reasons that led us to design and organize the Borgo Porteo in Comedia project, among others;

– the coexistence, in the same neighborhood 1 Center, of our laboratory Artaud (at the former slaughterhouse of Padua and that this year turns a quarter of a century, if not more), not because the residence of some of us at Portello in Padua;

– the birth of the City Committee Borgo Porteo Finis Populus, which some of us helped to create;

– the condition of the Portello district, from the times of the health emergency to the present day, almost deserted, in the absence of university and high school students;

– the problems of the merchants in the neighbourhood, with serious problems of economic management (from bars to copy shops) following the closure of the University and High Schools;

– the insufficient valorization that has marked, for several years now, the condition of Piazza Portello in Padua, without simple activities or even small events, in one of the most historical and ancient districts of Padua;

– the awareness that the skills related to manual professions (in this case sculpture/woodworking and leather/mask making) are gradually thinning out;

– as well as the knowledge of the techniques and practices of the Comedians of the Art, which in Padua, instead, thanks to the studies of Dr.ssa Ester Cocco who found a document in the Notarial Archives of Padua, proves that a company of comedians was formed in this city since February 25th 1545, with a registered contract (I Teatri di Padova, from the origins to the end of the 19th century, Bruno Brunelli, Libreria Angelo Draghi, Padua, 1921).

– that it is our intention, also through these yards, to retrace these historical events in rebours and to regularly constitute, according to the ancient dictates, a fraternal sock company, called ea Mosqueta, also in Padua, as in Venice.

THE BORGO PORTEO IN COMEDIA PROJECT
commedia dell’arte training workshops
padova – piazza portello – 17 luglio / 13 settembre 2020 (Italy)
patrocinio veneto logowith the patronage of the Veneto Region
and of the Munipalicity of Padua

The project provides, as mentioned above, for this first edition, the organization and holding of three workshops/ seminars in the period from July 17 to September 13, 2020, in Piazza Portello and open air, described below:



cavarra gessoI° WORKSHOP
(open air)
THE CONSTRUCTION OF A THEATRICAL MASK: CRETA SCULPTURE and REALIZATION OF A CHEST MATRIX (1st part) or realization of a leather mask on the models/matrices of the catalogue of the commedia dell’arte owned by ZORBA OfficineCREATIVE
17-18-19 July 2020 – padova – piazza portello
held by ANDREA CAVARRA
ZORBA OfficineCreative – Milan
with opening hours Friday 17, Saturday 18, Sunday 19 July 2020 at 10.00 – 18.00

After a first part dedicated to the study of traditional models (Greek and Roman theatre, commedia dell’arte, Indonesian and Japanese theatre) each participant will create his or her own clay model, and then create the plaster matrix. The alabaster chalk work allows to create a matrix without the need of a particular skill or preparation of a sculptural type. During the same period, those who are only interested in the leather mask will be able to create it starting from an existing cast/matrix from the ZORBA OfficineCreative catalogue. At the end of the course the realized matrix/mould will remain the property of each participant. The course includes an subscription fee and places available are limited. Registrations/reservations will be accepted in chronological order, subject to availability of places, according to the indications that will be sent to applicants through the form below or by telephone.



cavarra1II° WORKSHOP
(open air)
CONSTRUCTION OF A THEATRICAL LEATHER MASK
(2st part)
7 – 9 August 2020 – padova – piazza portello
held by ANDREA CAVARRA
ZORBA OfficineCreative – Milan
with opening hours Friday 7, Saturday 8, Sunday 9 August 2020 at 10.00 – 18.00
In this second part, the leather mask will be made on the previously made plaster matrix or, those who have not created their own model, through the use of traditional techniques and tools, will be able to make one of the typical masks of the Commedia dell’arte, starting from an already existing matrix of the ZORBA OfficineCreative catalogue. At the end of the course, the mask and/or matrix created will remain the property of each participant. …a weekend full-immersion in a path guided by a talented mask maker and theatre master on leather working techniques and the realization of Commedia dell’Arte masks. An opportunity for training, knowledge and development of their manual skills, which will give participants the opportunity to produce an artifact of great artistic value, choosing to work on their own wooden matrix or choose a model from the catalog of Zorba Officine Creative, to create a work tool, if actors, or a theatrical object if artisans. The leather mask made, finished and wearable will eventually be the property of each participant. The course includes an subscription fee and places available are limited. Registrations/reservations will be accepted in chronological order, subject to availability of places, according to the indications that will be sent to applicants through the form below or by telephone.


claudia1III° WORKSHOP (open air)
PRACTICES AND TECHNIQUES
of the COMMEDIA DELL’ARTE

11 – 13 September 2020 – padova – piazza portello
held by CLAUDIA CONTIN ARLECCHINO
with the assistance of LUCA FANTINUTTI
PORTO ARLECCHINO – Pordenone
Friday 11, Saturday 12 and Sunday 13 September
with timetable 10.00 a.m. – 18.00 p.m.
…a weekend full immersion in a theatrical path of actor training guided by the only actress/woman Harlequin in Italy and at the same time professional mask maker, on the practices, techniques and movement of masks and actors/actresses, which has received national and international awards and has been missing from the city of Padua since 13 years. The course includes an subscription fee and places available are limited. Registrations/reservations will be accepted in chronological order, subject to availability of places, according to the indications that will be sent to applicants through the form below or by telephone.


info and requests for participation


borgo comedia front

borgo porteo project due

borgo porteo in comedia project

englishborgo comedia front

la ns. associazione laboratorio Artaud c.r.t. in collaborazione con il Comitato Cittadino Borgo Porteo Finis Populus, da poco costituito in Padova, sta organizzando nel periodo 17 luglio / 13 settembre 2020, un progetto denominato borgo Porteo in comedia, cantieri di formazione sulla commedia dell’arte. Si tratta  di un progetto, che prevede, per il primo anno, l’organizzazione e lo svolgimento di tre cantieri/workshop, condotti da valenti mascherari e attori di rilevanza anche internazionale, con una conoscenza specifica e molto approfondita sulle pratiche e tecniche della Commedia dell’Arte.
Il progetto prevede l’organizzazione e lo svolgimento dei tre cantieri, di cui accenneremo più sotto, nella cornice della Piazza Portello (quindi open air), anche in relazione alle misure di contenimento relative all’emergenza sanitaria in atto. Molti, oltre a questo, sono i motivi che ci hanno spinti ad ideare ed organizzare il progetto Borgo Porteo in Comedia, tra gli altri;

– la coesistenza, nello stesso quartiere 1 Centro, della ns. associazione laboratorio Artaud (all’ex macello di Padova e che quest’anno compie un quarto di secolo, se non di più), nonché la residenza di alcuni di noi al Portello;

– la nascita del Comitato Cittadino Borgo Porteo Finis Populus, che alcuni di noi hanno contribuito a costituire;

– la condizione del quartiere Portello, da i tempi dell’emergenza sanitaria a tutt’oggi, quasi deserto, in mancanza degli studenti universitari e di scuola secondaria superiore;

– le problematiche dei commercianti del quartiere, con seri problemi di gestione economica (dai bar alle copisterie) in seguito alla chiusura dell’Università e Scuole Superiori;

– la scarsa valorizzazione che ha contrassegnato, da più anni a questa parte, la condizione della Piazza Portello a Padova, priva di semplici attività o anche piccole manifestazioni, in uno dei quartieri più storici ed antichi di Padova;

– la consapevolezza che le abilità connesse ai mestieri manuali (in questo caso scultura/lavorazione del legno e lavorazione del cuoio/costruzione di maschere, si stanno via via diradando;

così come la conoscenza delle tecniche e delle pratiche dei Commedianti dell’Arte, che a Padova, invece, grazie agli studi della dott.ssa Ester Cocco che rinvenne nell’Archivio Notarile di Padova un documento, prova che una compagnia di comici si formasse in questa città fin dal 25 febbraio 1545, con contratto registrato (I Teatri di Padova, dalle origini alla fine del secolo XIX, Bruno Brunelli, Libreria Angelo Draghi, Padova, 1921)

– che è ns. intenzione, anche attraverso questi cantieri, ripercorrere a rebours queste vicende storiche e di regolarmente costituire, secondo i dettami antichi una fraternal compagnia de la calza, denominata ea Mosqueta, anche a Padova, come in Venezia.

IL PROGETTO BORGO PORTEO in COMEDIA
cantieri di formazione sulla commedia dell’arte
Il progetto prevede, come accennato sopra, per questa prima edizione, l’organizzazione e lo svolgimento di tre cantieri /seminari nel periodo che intercorre dal 17 luglio al 13 settembre 2020, in Piazza Portello e open air, descritti alla pagina borgo porteo in comedia.


information form

borgo porteo project due

 

 

 

 

formazione/2020 – I° cantiere

cavarra_uno
cavarra due

I° CANTIERE (open air)
COSTRUZIONE DI UNA MASCHERA TEATRALE IN CUOIO
17 – 18 – 19 luglio 2020 – padova – piazza portello
tenuto da ANDREA CAVARRA
ZORBA OfficineCreative – Milano


cavarra1 …un fine settimana full-immersion in un percorso guidato da un valente maskeraro e maestro teatrale sulle tecniche di lavorazione del cuoio e la realizzazione delle maschere  della Commedia dell’Arte. Un’occasione di formazione, di conoscenza e sviluppo delle proprie capacità manuali, che darà l’opportunità ai partecipanti di produrre un manufatto di grande valore artistico, scegliendo di lavorare  sulla propria matrice in legno o di scegliere un modello del catalogo di Zorba Officine Creative, per crearsi uno strumento di lavoro, se attori, o un oggetto teatrale se artigiani. La maschera in cuoio realizzata, rifinita e portabile sarà alla  fine di proprietà degli allievi/e partecipanti.


loghinolaboratorio Artaud – centro di ricerca teatrale
in collaborazione con Borgo Porteo Comitato Cittadino
via cornaro, 1 (ex-macello), 35128 – Padova
mobile: 338.2160833 – 3492107441
e-mail: info_laboratorioartaud@yahoo.com


masckas projects1
…fuoco fatuo di un rapporto magico con la vita,  seconda pelle finché disabitata, 
la maschera racconta ai nostri occhi, al viso l’impronta di un’eternità effimera, mortale, lampo di una profondità povera da cui nascono, a volte, i nostri fantasmi…


Il workshop si terrà a fronte dell’iscrizione di un numero minimo di interessati, all’aperto, nella splendida cornice di Piazza Portello a Padova e dovrà necessariamente conformarsi alle vigenti norme regionali e nazionali relative all’emergenza sanitaria in atto. E’ d’obbligo la presenza al workshop muniti di mascherina (nel caso si fosse sprovvisti, la ns. associazione provvederà a fornirne una pulita, che dovrà essere restituita alla fine del corso). Ulteriori informazioni su costi, programma e orari verranno forniti a ciascun interessato telefonicamente o meglio via email.
Più sotto la form di interesse o pre-iscrizione.



 

 

 

 

borgo porteo in comedia

english   español
borgo comedia front

borgo porteo in comedia
cantieri di formazione sulla commedia dell’arte (open air)
padova – piazza portello – 17 luglio / 13 settembre 2020
patrocinio veneto logologopatrcompngcon il patrocinio della Regione del Veneto
e del Comune di Padova. 
Il progetto prevede, per questa prima edizione, l’organizzazione e lo svolgimento di tre workshop/seminari nel periodo dal 17 luglio al 13 settembre 2020, in Piazza Portello e all’aperto, di seguito descritti:


cavarra gesso

I° CANTIERE (open air)
LA COSTRUZIONE DI UNA MASCHERA TEATRALE –
SCULTURA in CRETA e REALIZZAZIONE DI UNA MATRICE IN GESSO (I° parte) 
o realizzazione di una maschera in cuoio sui modelli/calchi del catalogo della commedia dell’arte di proprietà di ZORBA OfficineCREATIVE
17–18-19 luglio 2020 – padova – piazza portello
tenuto da ANDREA CAVARRA
ZORBA OfficineCreative – Milano
con orari venerdì 17, sabato 18, domenica 19 luglio ore 10.00 – 18.00

Dopo una prima parte dedicata allo studio dei modelli tradizionali (teatro greco e romano, commedia dell’arte, teatro indonesiane e giapponese) ogni partecipante creerà il suo modello in argilla, per poi realizzare la matrice in gesso. La lavorazione del gesso alabastrino permette di creare una matrice senza necessità di una particolare  abilità o preparazione di tipo scultorea.  Durante lo stesso periodo chi è interessato solo alla maschera in cuoio potrà realizzarla partendo da un calco/matrice già esistente del catalogo ZORBA OfficineCreative. Al termine del corso la matrice/calco realizzata rimarrà di proprietà di ciascun partecipante.
Il corso prevede una quota d’iscrizione e i posti disponibili sono limitati. Le iscrizioni/prenotazioni saranno accettate in ordine cronologico, fino ad esaurimento dei posti, secondo le indicazioni che verranno inviate ai richiedenti attraverso la form qui sotto o telefonicamente .
photo reportage primo cantiere
attestato I° cantiere


cavarra1II° CANTIERE (open air)
COSTRUZIONE DELLA MASCHERA IN CUOIO SULLA PROPRIA MATRICE O DA CATALOGO ZORBA
(II° parte)
o alternativamente costruzione di una matrice in gesso
7-8-9 agosto 2020 – padova – piazza portello
tenuto da ANDREA CAVARRA
ZORBA OfficineCreative – Milano
con orari venerdì 7, sabato 8, domenica 9 agosto ore 10.00 – 18.00

In questa seconda parte si realizzerà la maschera in cuoio sulla matrice in gesso realizzata precedentemente oppure, chi non ha creato un suo modello, attraverso l’uso di tecniche e utensili della tradizione, potrà realizzare una delle tipiche maschere della Commedia dell’arte, partendo da una matrice già esistente del catalogo ZORBA OfficineCreative. Al termine del corso la maschera e/o la matrice realizzata rimarrà di proprietà di ciascun partecipante. …un fine settimana full-immersion in un percorso guidato da un valente maskeraro e maestro teatrale sulle tecniche di lavorazione del cuoio e la realizzazione delle maschere  della Commedia dell’Arte. Un’occasione di formazione, di conoscenza e sviluppo delle proprie capacità manuali, che darà l’opportunità ai partecipanti di produrre un manufatto di grande valore artistico, scegliendo di lavorare  sulla propria matrice in legno o di scegliere un modello del catalogo di Zorba Officine Creative, per crearsi uno strumento di lavoro, se attori, o un oggetto teatrale se artigiani. La maschera in cuoio realizzata, rifinita e portabile sarà alla  fine di proprietà degli allievi/e partecipanti. Il corso prevede una quota d’iscrizione e i posti disponibili sono limitati. Le iscrizioni/prenotazioni saranno accettate in ordine cronologico, fino ad esaurimento dei posti, secondo le indicazioni che verranno inviate ai richiedenti attraverso la form qui sotto o telefonicamente .


claudia1III° CANTIERE (open air)
PRATICHE E TECNICHE DELLA COMMEDIA DELL’ ARTE
11–12-13 settembre 2020 – padova – piazza portello
condotto da CLAUDIA CONTIN ARLECCHINO
con l’assistenza di Luca Fantinutti
Porto Arlecchino – Pordenone
venerdì 11, sabato 12 e domenica 13 settembre
con orario 10.00 – 18.00

…un fine settimana full-immersion in un percorso teatrale di formazione attoriale guidato dall’unica attrice-donna Arlecchino in Italia e al contempo mascheraia professionista, sulle pratiche, tecniche e movimento di maschere e di attori/attrici, che ha ricevuto riconoscimenti nazionali ed internazionali e manca dalla città di Padova da 13 anni. Il corso prevede una quota d’iscrizione e i posti disponibili sono limitati. Le iscrizioni/prenotazioni saranno accettate in ordine cronologico, fino ad esaurimento dei posti, secondo le indicazioni che verranno inviate ai richiedenti attraverso la form qui sotto o telefonicamente .


information form

borgo porteo project due

borgo porteo…

Padova_portello_1 (1)

Borgo Porteo
«Era sino al principio dell’Ottocento il sito più animato di Padova, perché per esso passavano quanti da questa città o per acqua o per terra andavano a Venezia. È abitato per la massima parte da famiglie povere di popolani, fra i quali molti beccai, già celebri per le tremende risse che sostenevano cogli studenti. Dalle finestre sporgono di frequente lunghi stangoni che sostengono biancheria ed altre cose poste ad asciugare». (Ottone Brentari, Guida di Padova 1891)


Nel Medioevo a Padova veniva chiamato “portello” qualsiasi apertura o porta ricavata nelle vecchie muraglie di difesa della città per far passare uomini e merci dirette ai centri lagunari di Chioggia e di Venezia, oppure alle campagne confinanti, ed è proprio da questa analogia che deriva il nome del popolare quartiere padovano Borgo Portello.
Le più antiche notizie relative alla zona Portello riferiscono che il luogo fu utilizzato come area cimiteriale dai più antichi abitatori di Padova, conosciuti come “Paleoveneti” (I millennio a.C.). A quei tempi Padova non aveva mura di difesa, né case o strade o porte monumentali, quindi la zona era del tutto disabitata, incolta e periferica al nucleo abitativo paleoveneto. A cavallo tra il XV e il XVI secolo, con l’espansione della Repubblica Veneta, Padova fu palcoscenico di guerra nello scontro del 1509 fra la Lega antiveneziana di Cambrai e la Repubblica Veneta. Nel 1523, quando fu ristabilita la pace, Padova trascorse in seguito un periodo di rifacimento del tracciato delle mura trecentesche. La zona Portello-Ognissanti fu in questa occasione sconvolta da grandiosi lavori che portarono anche alla costruzione di un Castelnuovo, ovvero il Nuovo Castello di Padova, che non fu mai terminato, e del cui progetto oggi rimangono solo alcuni bastioni: il Bastione del Portello Vecchio, il Bastione di Castelnuovo o Gradenigo e il Bastione del Portello Nuovo o Venier, su cui è ancora ben visibile la nicchia in cui è alloggiata una copia del Leone di San Marco, che, dopo il suo ritrovamento a metà dell’800 nelle acque melmose del fossato ai piedi del bastione e un conseguente restauro, fu acquistato e infisso nel palazzo romano sede delle Assicurazioni Generali. (tratto da lavecchiapadova)


bragadin_michielIl Borgo Portello vero e proprio è costituito dalla via che porta quel nome, ben delimitata a un’estremità dalla Porta Ognissanti, che nessuno chiama con il suo nome ufficiale, e all’altra trova la quinta prospettica del settecentesco Palazzo Michiel, residenza di Giacomo Casanova, situato praticamente all’incrocio delle quattro vie Belzoni, Tiepolo, Ognissanti, Portello; sulla sua facciata Tono Zancanaro, l’illustratore della Padova popolare del ’900, era solito evocare nei suoi lavori geni alati e altri spiriti che osservavano l’animata vita del quartiere.


porta ognissantiQuest’area possiede un’identità storica che affonda le radici nelle vicende più antiche di Padova, quelle che conosciamo solo dalle ricostruzioni archeologiche, in epoche che si spingono fino all’inizio del I millennio a. C., quando sorsero i primi insediamenti che avrebbero dato vita alla Padova dei Veneti Antichi. In quel tempo la zona che ci interessa era attraversata dal fiume attorno a cui sorse la città (Brenta secondo alcuni, Bacchiglione secondo altri), che circondava serpeggiando l’abitato antico, che doveva iniziare proprio sulla riva destra del fiume nella zona attuale di Santa Sofia. Sulla riva esterna sorgevano invece le necropoli, la vasta città dei morti; le tombe sono risultate di un periodo che va dal IX – VIII secolo a.C. al I secolo a.C.. Già all’epoca Borgo Portello era la “porta” di Padova, quella che accoglieva i viaggiatori e i mercanti che arrivavano da oriente sia via terra che lungo il fiume; ma fu in epoca romana che probabilmente sorse il primo porto fluviale nella zona, probabilmente nell’area occupata attualmente dalla chiesa di Ognissanti, che doveva avere una funzione di alleggerimento rispetto al porto principale che si trovava nel centro della città. In questo periodo, dunque, deve aver avuto inizio la vita residenziale della zona del Portello. All’inizio del XIII secolo fu scavato su iniziativa del Comune padovano il canale Piovego, probabile deformazione della parola latina populus, quando era imprescindibile recuperare una via di traffico commerciale con la zona orientale del Veneto e in particolare con la ricca Venezia. (tratto da Guida realizzata nell’ambito del progetto Il Portello Segreto I sorprendenti luoghi segreti del Portello finalmente svelati, Universal Grafiche- Mestrino – Giugno 2016)


continua…

ea mosqueta

ea mosqueta121fraternal compagnia dea calsa

…ed ecco che i veneziani, consapevoli di questo continuo entrare ed uscire dalla scenografia fantastica di calli, fondamente, campielli e palazzi si riunirono in “Fraglie” (fratellanze, confraternite, termine prettamente massone!), per cui istituirono le ” Compagnie della Calza “, gruppi di giovani bene della Venezia cinquecentesca che si riunivano per recitare e per organizzare feste mascherate ed altro. Di questo era convinto Carpaccio che aveva dipinto, qualche decennio prima le  scuole minori, perché le sue storie romanzate sulle vite dei Santi si adattavano più all’ambiente teatrale che a quello delle chiese. Le sue immagini infatti erano più accostabili a quelle contemporanee  degli amici che recitavano nelle compagnie della calza, che a quelle della chiesa legate all’iconografia liturgica.


compagno de la calsa nero

All’epoca quindi alcuni giovani, per lo più gentiluomini veneziani incominciarono, come detto, ad unirsi allo scopo di creare eventi, feste, rappresentazioni, dando così allegria e vivacità alla città. Ed a questo scopo, per dare un significato di appartenenza ad ogni “fraglia” si distinsero per l’uso di “pantaloni” di colore diverso il destro dal sinistro, chiamati calze, e coll’insegna della “Compagnia” ricamata in oro, perle e pietre preziose. Usavano inoltre un mantello di panno d’oro o damasco, con un lungo cappuccio, ed un berretto di stoffa preziosa con la punta ornata da un gioiello, che ricopriva in genere una chioma lunga e folta, a volte legata da un nastro di seta. A questi si aggiungevano anche le mogli o altre gentildonne, le quali portavano i simboli della Compagnia sopra una delle maniche.

Per formare una Compagnia della Calza  occorreva una licenza del Consiglio dei Dieci, quindi i soci compilavano uno statuto, dove, oltre alle altre regole si determinava la durata della compagnia, e venivano eletti un priore, un camerlengo, un segretario, due consiglieri, un cappellano, un nunzio ; a questi si aggiungevano un poeta, un architetto  ed un pittore. I membri della Compagnia che si sposavano dovevano organizzare due banchetti: uno in casa con musica e momarie (mascherate) , l’altro in casa della sposa dove doveva pagare il notaio, il cappellano ed il messaggio. Diverse furono le compagnie della Calza dal 1400 al 1562 ( arrivarono ad essere 43). I Pavoni, gli Accesi, i Fedeli, i Concordi, i Floridi, i Reali e i Sempiterni. A questa compagnia furono legati il Ruzante, Pietro Aretino che per loro scrisse la Commedia ” La Talanta”, il Vasari come scenografo, Tiziano ed il Palladio  che per loro costruì un teatro in legno.

E alla Compagnia della Calza si possono attribuire spettacoli all’aperto, rappresentazioni, caze de toro, e  le momarie, dove ci si vestiva in maschera e si svolgevano processioni lungo i canali dove venivano presentati i vizi e le virtù. Tutto ciò, legato alla musica, all’architettura, alla pittura ed all’arte in genere rese questa città un grande teatro, una grande scenografia che si avvale tutt’ora, per opera di sette famiglie veneziane, di una Compagnia della Calza ( dal 1972) che presta il suo fantastico impegno nell’occasione del Carnevale, e per continuare in una tradizione dell’arte a tutto tondo.
________________________________________________

il testo è tratto da Le Compagnie della calza: Teatro, arte e Carnevale a Venezia
l’immagine da Lionello Venturi, Le Compagnie della Calza Sec. XV-XVI,  Filippi Editore, Venezia 1983

 

formazione/2020 – II° cantiere

balza uno_new

balza due_new

II° CANTIERE (open air)
SCULTURA CALCHI IN LEGNO
per la costruzione di maschere in cuoio
6-7-8-9 agosto 2020 – padova – piazza portello
tenuto da GIOVANNI BALZARETTI – Teatro Agricolo – Livorno


mask1…un fine settimana full-immersion in un percorso guidato da un sapiente mascherero e maestro sulle tecniche di realizzazione dei calchi in legno, le matrici  per la realizzazione delle maschere in cuoio della Commedia dell’Arte. Un’occasione di formazione professionale,  di conoscenza e sviluppo delle proprie capacità manuali, e di una materia particolare come il legno da scultura, nell’essenza del sapere teatrale. La matrice realizzata sarà alla  fine di proprietà degli allievi/e partecipanti. Per informazioni, costi, iscrizioni e modalità di partecipazione:


loghinolaboratorio Artaud – centro di ricerca teatrale
in collaborazione con Borgo Porteo Comitato Cittadino
via cornaro, 1 (ex-macello), 35128 – Padova
mobile: 338.2160833 – 3492107441
e-mail: info_laboratorioartaud@yahoo.com


masckas projects1
…fuoco fatuo di un rapporto magico con la vita,  seconda pelle finché disabitata, 
la maschera racconta ai nostri occhi, al viso l’impronta di un’eternità effimera, mortale, lampo di una profondità povera da cui nascono, a volte, i nostri fantasmi…


Il workshop si terrà a fronte dell’iscrizione di un numero minimo di interessati, all’aperto, nella splendida cornice di Piazza Portello a Padova e dovrà necessariamente conformarsi alle vigenti norme regionali e nazionali relative all’emergenza sanitaria in atto. E’ d’obbligo la presenza al workshop muniti di mascherina (nel caso si fosse sprovvisti, la ns. associazione provvederà a fornirne una pulita, che dovrà essere restituita alla fine del corso). Ulteriori informazioni su costi, programma e orari verranno forniti a ciascun interessato telefonicamente o meglio via email.  Posti a numero chiuso. Più sotto la form di interesse o pre-iscrizione.



 

 

 

 

[canti-ere] marginali

nuovo-6ll cantiere è un luogo reale e simbolico di trasformazioni profonde in ogni società in crescita, luogo di importanti processi di costruzione di opere reali (case, sovrastrutture…) e simboliche (del pensiero, delle identità) e uno spazio di incontro. Locus simbolico dove si lavora per costruire insieme, nativi e migranti, momenti e processi di conoscenza, confronto e scambio che ci consentono di facilitare la crescita di nuove mentalità, di stabilire relazioni tra persone di provenienze diverse, disponibili al dialogo e al cambiamento; uno spazio reale di costruzione in cui persone diverse condividono obiettivi comuni, speranze, la voglia di rendere concreti aspirazioni, desideri individuali e collettivi. Dal cantiere nascono nuove costruzioni materiali ma soprattutto nuove costruzioni sociali, quelle delle persone che tra loro stabiliscono nel tempo relazioni di reciprocità. Il cantiere, offre le prime sperimentazioni di coesistenza, anticipa i possibili percorsi, propone le possibili configurazioni umane. Col cantiere si sperimentano nuovi aggregati, si costruiscono edifici per la società, si costruisce la società stessa. Si anticipano possibili percorsi di una società di domani che prende forma, e prima ancora consapevolezza, delle sue paure, delle sue speranze, dei suoi aggiustamenti. E si definiscono dei punti fissi nella Storia, le ere, le epoche storiche. Nel cantiere si mescolano differenze e quotidianità, vale a dire drammi, conflitti, scelte di vita, storie a volte marginali. Storie, ma soprattutto persone che di queste storie sono protagoniste.

[C]anti-ere marginali è un progetto teatrale, aperto e interculturale che si propone l’ideazione, il coinvolgimento, l’allestimento e la messainscena di performances d’arte teatrale, cinematografica e figurativa legate ad una condizione liminale, universale, di marginalità, di ingiustizia o dimenticate, condizione che in diverse epoche storiche, uomini e donne, si sono trovati a vivere. Racconti di vite personali consumate nell’era contemporanea. Ma anche nuovi “segni” nelle cose di domani.

Se sei interessato/a a frequentare il teatro o viceversa, qui ci sono dei possibili progetti canteriati…
p.s….non facciamo distinzione tra attori/ici consumati/e e giovani o attori inesperti/e…lavoriamo meglio con gli ultimi… per info o altro scrivi a: fred_deve@yahoo.it

progetti canteriati… (in ordine alfa & betico, ma non d’importanza)
1 Anna Karenina le dernier train (un’attrice, visage-physique du rôle)
2 Arlecchino, un solo attore con più padroni...( un attore, physique du rôle)
3 Billie Holiday (attrice_cantante, meglio se nera)
4 Can’t Find My Way Home  black block blues (non meno di 10 tra attori e attrici,
disponibilita’ attoriale senza preclusioni ideologiche, presence du rôle)
5 Caravaggio (un attore, visage-psysique du rôle)
6 Carmen la garibaldina (un attrice, visage-psysique du rôle)
7 Chet Baker (attore-trombettista, physique du rôle)
8 Don Chisciotte (un attore, Sancho, physique du rôle)
9 Fa-do (un’attrice_cantante, visage-psysique du rôle)
10 Ghei-sha (visage-psysique du rôle, attitude dance et/ou chant)
11 La masseria delle allodole, il genocidio dimenticato degli armeni (non meno di 10 tra attori e attrici, disponibilita’ attoriale senza preclusioni ideologiche o confessionali, presence du rôle)
12 Maestra Minestra fiaba teatrale e cucinierateatro ragazzi (almeno 3 attori/ici, voix du rôle)
13 Myriam di Magdala al di là della voce dei vàngeli (un’attrice, visage-psysique du rôle)
14 reprise Antigone (con 5 tra attori e attrici, visage-psysique du rôle) Non mezze calzette, come gli/le ultime che abbiamo avuto…
15 reprise Pinocchio, ovvero umano troppo umano…(11 tra attori e attrici, physique du rôle)
16 San Francesco (un attore, visage-psysique du rôle)

progetti in cantiere…
credereinunsolo(o)dio (allestimento teatrale in forma di lettura)
reprise Arte Mi Sia Gentile Eschi come un grano di polvere su una circonferenza
________________________________________________frecciaDxG